Claudio e Diana, “posteggiatori” che emozionano i cuori (B1-B2)

Lascia un commento

29 luglio 2015 di Paola Gagliano

Claudio De Bartolomeis e Diana Ronca con Luigi De Filippo

Claudio De Bartolomeis e Diana Ronca con Luigi De Filippo

I un vìco della vecchia Napoli risuona una melodia d’altri tempi. Un giovane sospira per un amore senza speranza sotto la finestra chiusa della donna amata. “Fenesta Vascia” (finestra bassa) è un classico della canzone napoletana, scritta nel ‘500 da un anonimo è stata portata alla ribalta nell’ottocento dai “posteggiatori”, musici vagabondi che, suonando “appustiati” (da “puosto” = posto) sotto il balcone di una donna o girando per i tavoli di un caffè, contribuirono a diffondere il patrimonio musicale partenopeo. Proprio come fanno oggi Claudio De Bartolomeis  e Diana Ronca che, a distanza di più di due secoli, continuano a suonare la “posteggia napoletana” in locali o sotto le finestre delle amate. Stregati dal mito di Partenope, la sirena che  mori lungo la costa napoletana e che trasmise alla città l’amore per la musica, Diana e Claudio hanno deciso di prestare il loro talento alla passione, all’amore e alla sofferenza dei più bei e struggenti brani napoletani.

vìco (alley – ruelle) sospira (longs – soupire) musici (musicians) da (from – a partir de) posto (place – lieu) girando (wandering – en faisant le tour) contribuirono a diffondere (helped to spread – ont contribués à faire conaitre) locali (bars/pub/restaurant – café/bistro/restaurant)  stregati (bewithched – envoûtés)  struggenti brani (moving songs – chansons émouvantes)

La posteggia in riva al mare

La posteggia in riva al mare

“La Posteggia – spiegano – è un’ antica e nobile arte, nata molti anni fa e praticata da cantastorie che sostavano al tavolo raccontando in musica storie d’amore, di tradimenti e di passione. Originariamente il gruppo era composto da più musicisti, oggi solitamente è composto da due o tre artisti che si esibiscono con chitarra, mandolino e voce. Boccaccio durante il suo soggiorno a Napoli, tra il 1327 e il 1339, notò i posteggiatori e parlò “d’infiniti strumenti, d’amorose canzoni”. Il posteggiatore più illustre e famoso è stato senza dubbio Caruso che già all’età di 17 anni si esibiva nei caffè”.

praticata (performed – joué)  sostavano (standing – restaient) tradimenti (adulteries – adultéres) era composto (consisted – était composé)  si esibiscono (perform – jouent).

Lo spettacolo Napoli era, ora

Lo spettacolo Napoli era, ora

La posteggia di Claudio e Diana conserva tutte le caratteristiche di questa antica tradizione. Rispettando l’intensità dei testi e la magnificenza delle musiche, i due artisti propongono una posteggia colta nel suo aspetto più allegro e coinvolgente, ma capace soprattutto di trasmettere emozioni e comunicare sentimenti. Nelle loro serate ripropongono le canzoni intramontabili della melodia partenopea, facendo un viaggio nei secoli, partendo dal cinquecento passando per il seicento e il settecento fino ad arrivare al secolo scorso e ai ritmi più dirompenti delle tarantalle e delle tammurriate. “Abbiamo voluto raccogliere l’eredita che ci è stata tramandata da tanti artisti napoletani che hanno reso grande la canzone classica napoletana nel mondo. – spiega Diana – Nelle nostre serate ripercorriamo la storia della musica partenopea seguendo il suo intreccio con musica colta e popolare. Il repertorio classico napoletano non ha nulla a che vedere con le canzoni napoletane di oggi, è un genere completamente diverso con sue caratteristiche specifiche sia melodiche che di contenuto. Sono canzoni che parlano al cuore di tutti, anche di chi napoletano non è, perché il loro linguaggio è universale”.

 testi (lyrics – paroles) colta (cultived – cultivé) coinvolgente (captivating – captivant)trasmettere (to convey – trasmettre) intramontabili (timeless – intemporelles) dirompenti (explosive) è stata tramandata (has been handed doawn – a été transmise) intreccio (interplay – interaction)

Diana Ronca, Claudio DeBartolomeis e ...

Diana Ronca, Claudio De Bartolomeis e il mandolinista Massimiliano Essolito

Insieme da 31 anni Diana e Claudio sono musicisti professionisti da 26. Contro tutti i pregiudizi e i luoghi comuni, hanno lottato per poter fare di questa loro grande passione anche la loro professione. Non hanno mai pensato, neanche per un minuto, ai vantaggi del “posto fisso” e dello stipendio sicuro a fine mese. Il loro amore per la musica napoletana è troppo forte per cedere a facili e comodi compromessi. “Per nulla al mondo – dicono – potremmo rinunciare alle emozioni che riceviamo  dalle note della chitarra e del mandolino a cui si mescola magistralmente la voce suadente di Diana. È uscito da poco il nostro nuovo Cd “Napoli era, ora” che ha visto la partecipazione, tra gli altri, di musicisti importanti come Tony Esposito, Joe Amoruso e Aldo Vigorito. E da qualche mese siamo in giro con lo spettacolo omonimo, una sorta di viaggio nella vera Napoli con video di grandi artisti (De Filippo, Troisi, Totò, Magnani, Dalla….) e brani che vanno dal’700 ai giorni nostri. Uno spettacolo che, a detta di molti è la fine del mondo perché coniuga musica, arte e tradizione”.

luoghi comuni (clichés)  stipendio (salary – salaire)  cedere (give in – céder) per nulla la mondo (by no means – en aucun cas) rinunciare (give up – abandonner) mescola (blends – mélange)  suadente (mellow -douce) coniuga (combines – combine)

dddd

Diana Ronca, Claudio De Bartolomeis, Massimiliano Essolito, Angelo Cerrato (violinista) e Domenico Farina (flautista)

Claudio e Diana, tuttavia, non celebrano solo la canzone napoletana. Per loro la musica è  un strumento per infondere emozioni e trasmettere messaggi. Per questo hanno ideato e realizzato il progetto “Qual è la terra del tuo cuore?” “Visto il momento difficile che sta vivendo la nostra Terra, – spiega Diana – abbiamo pensato di invitare il popolo della rete a fotografarsi per noi con la mano sul cuore in difesa di una Terra e la sorpresa è stata che molti, hanno scelto una causa. I temi trattati sono stati tantissimi: l’omofobia, il razzismo, la terra dei fuochi, l’abbandono degli animali, l’abusivismo edilizio, la cementificazione ecc…e abbiamo avuto anche partecipazioni di grande pregio come quella di Fabrizio Macchi, campione paralimpico, fotografatosi in difesa della vita e contro ogni discriminazione per le disabilità, e di Fabio Merlino, figlio del sottotenente Filippo, ucciso nella strage di Nassirya, che si è fotografato con un ritratto del papà alle spalle e la bandiera italiana. Sono, in tutto, 34 fotografie su cui scorrono le note di Terra mia. Un manifesto di amore e libertà. Proprio come la canzone classica napoletana”.

infondere (instil – donner)  ideato e realizzato (designed and implemented – conçu et mis en œvre) Visto (given – etant donné) temi (topics – sujets) l’abusivismo edilizio (illegal building – construction illegal) pregio (value – valeur)  strage (massacre) ritratto  (portrait)

Ecco un video dove potete ascoltare e vedere Claudio e Diana ed una loro serenata in riva al mare

Modi di dire con la parola mondo

Per nulla al mondo/ per tutto l’oro del mondo: È usato per rafforzare un rifiuto, per ribadire di non essere disposti a fare qualcosa neanche in cambio delle più ricca ricompensa.

Es: Per nulla al mondo potremmo rinunciare alle emozioni che riceviamo  dalle note della chitarra e del mandolino

È la fine del mondo: si dice di qualcosa che è talmente buona o bella da essere sublime e superare i confini del mondo.

Es: Uno spettacolo che è la fine del mondo perché coniuga musica, arte e tradizione

andare all’altro mondo: • Fig.: morire.

Es: ha rischiato di andare all’altro mondo

mandare all’altro mondo: aver quasi ucciso qualcuno

Es: Per poco non mi mandava all’altro mondo.

cascasse il mondo/caschi il mondo: A qualsiasi costo, qualsiasi cosa accada. Usato per ribadire la ferma determinazione a fare qualcosa.

Es: Cascasse il mondo, questa volta mi comprerò un gioiello

come è piccolo il mondo! : Esclamazione. Usato quando ci si imbatte casualmente in una persona conosciuta in un luogo dove non ci aspettava di incontrarla.

Es: Come è piccolo il mondo, non mi aspettavo di vederti qui.

Cose/roba dell’altro mondo: Cose inaudite, incredibili, assurde o simili, oppure cose indegne e scandalose, riferito per lo più a una pretesa, un’idea, una teoria, un comportamento e così via.

Es: Cose dell’altro mondo, non avevo mai visto tanta presunzione

da che mondo è mondo: Letterale: da sempre. Usato per sottolineare che una cosa è assolutamente normale.

Es: Da che mondo è mondo, tutti mangiano tre volte al giorno.

di mondo : Si dice di una persona che conduce vita mondana o di chi ha molta esperienza. Se riferito in particolare a una donna, ne insinua a volte la libertà dei costumi.

Es: Giovanni è un uomo di mondo

divertirsi un mondo: Divertirsi moltissimo.

Es: Alla festa di Luigi ci siamo divertiti un mondo.

essere fuori dal mondo: Non rendersi conto della realtà concreta. Anche essere svagati, distratti, oppure incredibilmente ingenui.

Es: Maria è fuori dal mondo, non si rende conto di quanto costa la vita oggi

essere nel mondo dei sogni: Dormire profondamente, e quindi presumibilmente sognare. In senso figurato, vivere estraniandosi dalla realtà concreta, non capirla o non accettarla. Anche avere molte illusioni, e in senso ironico, essere molto ingenui.

Es: Laura è già nel mondo dei sogni

mettere al mondo: Generare, partorire, far nascere.

Es: Paola ha messo al mondo due gemelli

saper stare al mondo: Sapersi comportare adeguatamente alle circostanze; sapere affrontare situazioni, difficoltà o simili. Per estensione, conoscere la buona educazione.

Es: Devi impararea saper stare al mondo

se non casca il mondo: se non succede qualcosa che ci impedisce di fare quello che vogliamo

Es: Se non casca ilmondo verremo

tornare al mondo: Resuscitare, usato in senso figurato per una persona che dopo un periodo d’isolamento ritorna alla vita sociale.

Es: Dopo un periodo di sofferenza per il divorzio, Maria è tornata al mondo

un mondo di …: Fig.: grande quantità, numero o grandezza di qualcosa.

vedere il mondo dipinto di rosa: Essere ottimisti; avere una visione serena e felice della vita. Anche ironico per ingenui e creduloni, per chi non si rende conto della realtà.

Es: Eugenio vede sempre il mondo dipinto di rosa

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Più votati

Enter your email address to follow this blog and receive notifications of new posts by email.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: